Usanze e tradizioni

Usanze e tradizioni in PUGLIA

La Puglia dispone di un patrimonio folcloristico particolarmente interessante che, pur attingendo a usi e costumi delle regioni limitrofe vanta tuttavia canti, leggende, novelle, tradizioni di origine propria, sempre considerando che ogni epoca ha lasciato una particolare impronta nella storia del folclore pugliese.

fiabe_3
Le fiabe, le novelle, le leggende hanno come caratteristica comune l’amore per l’avventura, lo spirito burlesco e una spigliata fantasia.
Alcune trattano di miracoli operati dalla Madonna e dai Santi, altre hanno per protagonisti maghi o diavoli, o sono racconti di gesta e di avventure, di viaggi fantastici e di imprese cavalleresche.
Non dimentichiamo infatti che la Puglia rappresentava il passaggio obbligato dei crociati verso la Terra Santa.
In moltissime delle manifestazioni è presente, vivo e pregnante, il motivo della profonda religiosità dell’animo pugliese.

article
A processioni, feste di patroni, sagre paesane si accompagnano luminarie e concerti bandistici: la Puglia vanta un’antichissima tradizione nel campo delle bande musicali, come quelle celebri di Acquaviva delle Fonti e Francavilla Fontana.
Non mancano pellegrinaggi, processioni a mare e riti che affondano le loro radici nel paganesimo e nella magia, tipici del resto della cultura contadina.
Nell’ambito di queste manifestazioni religiose merita di essere segnalata la celebrazione della “settimana santa” a Taranto, che si snoda con il ritmo lento ed esasperato delle processioni dell’Addolorata e dei Misteri.

1-Bari-8-maggio-San-Nicola-2013
Molto nota è anche “la festa di San Nicola”: dal 7 al 10 Maggio di ogni anno Bari è teatro di cortei, fiaccole, sbandierate, processioni a mare, per ricordare l’impresa dei marinai che, nel 1087, trafugarono le ossa del Santo a Mira assediata dagli infedeli e le portarono in salvo nella loro città, dove tuttora sono custodite nella Basilica.
ragazzi con fienoAltrettanto interessante è la festa del “cavallo parato” a Brindisi: si tiene in occasione delle celebrazioni in onore di San Teodoro patrono della città e dura quattro giorni.
Il vescovo a cavallo, seguito da un corteo di cavalieri raggiunge la riva del mare, lo benedice e poi torna nel centro della città, dove si svolgono riti solenni con luminarie e fuochi di artificio.
Sempre a sfondo religioso è la “processione dei penitenti” il giovedì santo a Noicattaro (Bari): un gruppo di penitenti in preghiera, coperti da tuniche e cappucci con una corona di spina sul capo e a piedi nudi, attraversa le strade della città portando in spalla una croce del peso di circa 60 kg. La croce può essere appoggiata solo per mezz’ora ogni quattro ore.

carnevale-di-putignano
A Putignano (Bari) si celebra il carnevale più lungo d’Italia: è una manifestazione di origine antichissima fatta di cortei di popolani che declamano versi in dialetto, danze di fanciulle mascherate, sfilate di carri allegorici e di “maschere di carattere” i personaggi prodotti dai cartapestai.
Non possiamo dimenticare tra le manifestazioni più ricche ed entusiasmanti, la” Fiera del Levante” che si svolge a Settembre a Bari.

Monumentale_4Associaizone Culturale Tradizioni Puglia – info@tradizionipuglia.it

Eventi tradizionali e usanze tipiche della Puglia